5 motivi per cui non riesci ad ottenere un’offerta di lavoro e come risolverli

Pubblicato da | 24-03-2022 | Consigli ricerca di lavoro

Ogni passaggio del processo di selezione è importante come gli altri.
Riuscire ad essere chiamati per un colloquio dopo aver risposto ad un annuncio di lavoro e arrivare a sostenere anche quelli successivi non basta, se non arriva l’offerta di lavoro finale.

Se questo ti succede spesso, probabilmente devi affinare meglio qualche dettaglio.

Ecco 5 motivi per cui non riesci ad ottenere un’offerta di lavoro e come risolverli.

1. Hai delle abilità, ma non una storia

Hai tutte le competenze giuste, ti stai candidando per i posti giusti, riesci a passare le selezioni e i primi colloqui – eppure non ci sono offerte. Perché? Potresti non avere la storia giusta. La “storia giusta” è un concetto confuso, ma in pratica non vuoi che il responsabile delle assunzioni esca dal colloquio pensando: “Sì, possono fare il lavoro, ma perché lo vogliono?”

Nei colloqui, devi giustificare il motivo per cui il lavoro ha senso come passo successivo nella tua carriera. Cerchi un ruolo manageriale o preferisci più risolvere problemi tecnici che con le persone? In altre parole, come si inserisce questo lavoro nella tua storia di sviluppo professionale? Puoi inserirlo direttamente nella tua risposta alla domanda “Parlami di te” o “Perché questo ruolo?” e intreccialo durante l’intervista.

2. Risulti un po’… troppo

È bello essere entusiasti di un’opportunità di lavoro, ma è un’altra cosa apparire eccessivamente eccitati. Questo a volte può (ingiustamente) attivare bandiere rosse per gli intervistatori.

Quindi mostra il tuo interesse acquisendo molte conoscenze sull’azienda e condividendole. Non andare al colloquio un’ora prima, aspettare goffamente nell’atrio e far sentire a tutti che non sono ancora pronti per te. Scrivi un ringraziamento ai tuoi intervistatori e fornisci i dettagli dell’intervista. Non chiamare tutti i giorni per vedere se c’è un aggiornamento sul ruolo. Dai un’occhiata ai tuoi intervistatori su LinkedIn per prepararti al colloquio. Non fare amicizia con loro su Facebook o altri social media.

3. Non ti distingui abbastanza

Non vuoi essere ricordato per le ragioni sbagliate, ma vuoi essere ricordato. Quando un comitato di reclutamento si riunisce per discutere i candidati, non è un buon segno che nessuno si ricordi di te molto bene.

Per distinguerti nel modo giusto, sii pronto a dimostrare che sei appassionato di qualcosa legato al lavoro. Puoi anche mostrare una passione non correlata, ma semplicemente interessante, come fare il pane o andare in bicicletta. Trova cose di cui puoi parlare con gusto e poi fallo! Ad esempio, quando ricevi una domanda più aperta come “Qual è il risultato di cui sei più orgoglioso?” rispondi con una risposta adeguata al lavoro e poi aggiungi brevemente il tuo ultimo trionfo con il lievito naturale alla fine!

4. Sei troppo negativo

In generale, i responsabili delle assunzioni favoriscono i candidati che sono positivi e non vedono sempre il peggio in tutto: è nella natura umana non voler lavorare con qualcuno che è eccessivamente negativo.

Quindi, ad esempio, quando si arriva ai successivi round di interviste, è possibile che venga chiesto che tipo di suggerimenti hai per l’azienda per migliorare un prodotto o rendere un team più efficiente. In questi casi, fai attenzione a come esprimi le cose. È facile diventare accidentalmente un po’ troppo negativi e sottolineare tutti i problemi che vedi. Puoi rispondere alla domanda, ma ricorda anche che non devi offendere nessuno. Sii orientato alla soluzione invece di concentrarti solo sui problemi.

La regola di non negatività si applica anche alle domande che potresti ricevere sui precedenti datori di lavoro. Non parlare male di ex posti di lavoro, manager o colleghi. Anche se il loro comportamento è stato eclatante, non starai bene se parli male di loro.

5. Non hai informato bene le tue referenze

Se le tue referenze dicono cose completamente diverse da quelle che hai detto nell’intervista, questa può essere un’enorme bandiera rossa per i gestori delle assunzioni. Per evitare una tua referenza ti contraddica accidentalmente, assicurati di avvisarli adeguatamente che potrebbe arrivare una chiamata. Idealmente, dovresti anche far loro sapere per quale ruolo ti sei candidato e perché pensi di essere adatto. Anche l’invio del tuo curriculum personalizzato e della tua lettera di presentazione può essere davvero utile. In breve, vuoi assicurarti che la loro storia e la tua siano allineate.

 

Ricorda che se sei arrivato a superare più fasi delle selezione, sei sulla buona strada. Su un’ottima strada. Ti basta perfezionare qualche dettaglio e ce la farai!

Non riesci ad arrivare neanche al primo colloquio?
Clicca qui per scoprire i 5 motivi per cui non riesci ad ottenere colloqui di lavoro e come risolverli.

Sei riuscito a passare il primo colloquio di lavoro, ma non riesci ad andare oltre?
Clicca qui per capire i 5 motivi per cui non riesci a superare il primo colloquio di lavoro e come risolverli

Tags: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *