Devo scrivere sempre la lettera di presentazione?

Pubblicato da | 30-03-2022 | Consigli ricerca di lavoro

Lettere di presentazione

Caro responsabile delle assunzioni, odio scrivere lettere di presentazione!

Mentre i datori di lavoro spesso fanno fatica a trovare la persona giusta per la posizione da ricoprire, i candidati sono sempre più orientati a rinunciare a ciò che, fino a poco tempo, era un must per ottenere un lavoro dignitoso: la lettera di presentazione.

Molti responsabili delle assunzioni affermano che una lettera di presentazione tagliente rimane uno dei modi migliori per dimostrare il motivo per cui sei la persona giusta per il lavoro. Eppure molte persone in cerca di lavoro affermano che l’esercizio di autopromozione è troppo tortuoso e richiede tempo per valere lo sforzo per un ruolo tutt’altro che sognato. È anche semplicemente offensivo, sostengono, dal momento che spesso è un algoritmo, non un essere umano, che seleziona e ordina le candidature.

Scrivere lettere di presentazione è un lavoro di per sé e produce poca ricompensa per lo sforzo che richiede.

Dietro tutto l’odio per le lettere di presentazione si cela una grande disconnessione tra chi cerca lavoro e i datori di lavoro che cercano di assumerli. Un recente sondaggio ResumeLab su 200 responsabili delle assunzioni e reclutatori ha rilevato che l’83% ha affermato che le lettere di presentazione erano importanti per decidere chi assumere, soprattutto quando si trattava di capire perché il candidato desiderava il lavoro o di spiegare un cambio di carriera o un’interruzione. Quasi tre quarti hanno affermato di aspettarsi una lettera di presentazione anche se non era stata esplicitamente richiesta.

Alcuni coach pensano che se non ti prendi il tempo per presentarti, non ti prenderanno in considerazione. Jill Tipograph, co-fondatrice di Early Stage Careers, una società di coaching professionale per studenti universitari e ventenni, afferma che soprattutto i candidati all’inizio della carriera hanno particolarmente bisogno delle lettere di presentazione per differenziarsi. Si tratta di “esporre i fatti e le basi di ciò che stai portando sul piatto”.

Eppure solo il 38% dei candidati allega lettere di presentazione alle proprie candidature anche quando è richiesto, secondo ResumeLab.

Kevin Grossman, presidente del Talent Board, un gruppo di ricerca per assunzioni e assunzioni senza scopo di lucro, ha affermato che molti dei datori di lavoro con cui lavora la sua organizzazione non guardano più le lettere di presentazione, in parte a causa degli strumenti automatizzati di screening delle candidature. L’eccezione, ha detto, è quando il volume delle assunzioni è inferiore e i reclutatori hanno più tempo.

Un altro motivo per cui le lettere di presentazione spesso non riescono a stupire: “La maggior parte di esse sono estremamente generiche”, ha affermato Keith Wolf, amministratore delegato della società di reclutamento Murray Resources, che consiglia alle persone in cerca di lavoro di adattarle alla richiesta di lavoro specifica.

Passare anche solo pochi minuti a lanciare un messaggio entusiasta può rivelare i punti di forza e la motivazione di una persona in modi in cui un curriculum spesso non può.

Bisogna vedere la lettera di presentazione come un bonus, un aiuto in più. Non è qualcosa su cui agonizzare.

Una strategia potrebbe essere quella di scrivere una presentazione informale, invece di una rigida lettera formale, da adattare all’occorrenza e da usare quando l’annuncio di lavoro indica che le lettere di presentazione sono facoltative. Occorre dedicare circa 30 minuti per scriverla e poi potrà essere personalizzata in base al ruolo per cui ci si sta candidando.

Questa presentazione può essere allegata alla candidatura a addirittura inviata direttamente ai reclutatori su LinkedIn.

A volte le lettere di presentazione vengono utilizzate dai reclutatori per valutare le capacità comunicative dei candidati. Quindi occorre prestare attenzione al tipo di ruolo per cui ci si sta candidando.

L’altra faccia della medaglia è che a volte la lettera di presentazione può incoraggiare pregiudizi nei confronti di candidati di talento che, ad esempio, parlano inglese come seconda lingua.

Quindi, la risposta alla domanda “Devo scrivere sempre una lettera di presentazione?” è… dipende!

 

Tratto da www.wsj.com/articles/do-i-have-to-write-a-cover-letter-many-job-seekers-just-say-no-11648267222

Tags: ,