Come rispondere alle domande difficili durante un colloquio di lavoro

Pubblicato da | 07-08-2022 | Consigli ricerca di lavoro

Le domande difficili durante il colloquio di lavoro

Non importa quanto bene ti prepari per un colloquio di lavoro, ci sono sempre alcune domande difficili che ti possono cogliere alla sprovvista.

Gli intervistatori sono spesso (non sempre!) consapevoli della difficoltà di queste domande. Spesso (non sempre!) l’obiettivo è quello di valutare la tua capacità di reagire efficacemente quando sei sotto pressione o colto di sorpresa. Quindi, dal punto di vista della ricerca di lavoro, sapere come rispondere bene a queste difficili domande del colloquio può aiutarti a distinguerti.

Ne abbiamo selezionate alcune con indicazioni su come rispondere efficacemente.

Difficili domande durante un colloquio

1. Parlami di te

Partiamo con la domanda da un milione di dollari: mi parli di lei.

Alcuni pensano che questa sia una domanda facile a cui rispondere, ma è così vaga che non si è mai sicuri da dove iniziare o quali dettagli condividere. Spesso questa è una delle prime domande poste nei colloqui di lavoro, il che significa che aiuta a formare l’impressione iniziale di te da parte del responsabile delle assunzioni. È quindi fondamentale fornire una buona risposta.

Facendo questa domanda, un datore di lavoro vuole sapere tre cose:

  1. In primo luogo, il tuo background educativo e professionale pertinente alla posizione. 
  2. In secondo luogo, le capacità e le competenze acquisite in ruoli precedenti che si riferiscono direttamente a questa opportunità. 
  3. In terzo luogo, cosa stai cercando nel tuo prossimo ruolo e perché questo ruolo ti ha attratto.

Quindi, per rispondere a questa domanda, parla di ciascuno di questi tre punti. Inizia con una breve panoramica del tuo background educativo e professionale, assicurandoti di includere solo quelli che si riferiscono direttamente al ruolo. Quindi menziona le abilità e le competenze pertinenti che ti rendono adatto a questo particolare lavoro, assicurandoti di includere esempi misurabili a sostegno delle tue affermazioni. Infine, spiega brevemente perché vuoi questo ruolo, in questa organizzazione.

Ad esempio, per rispondere a questa domanda potresti dire:

Sono un laureato in Business Management con un Master in Digital Marketing. Da quando ho lasciato l’università, ho goduto di una carriera di marketing di due anni all’interno dell’industria sportiva. Durante la mia permanenza in questo settore, sono stato in grado di sviluppare ulteriormente la mia esperienza nel marketing digitale. Credo che le mie capacità di marketing digitale siano mostrate al meglio da una campagna di email marketing che ho condotto di recente, che ha aumentato il nostro tasso di conversione del 10%. La mia precedente organizzazione mi ha aiutato a sviluppare le competenze digitali che ho oggi, tuttavia, credo che per il bene di far progredire ulteriormente la mia esperienza, sia tempo di andare avanti. Pertanto, sto cercando un ruolo più impegnativo all’interno di un’organizzazione globale dal ritmo frenetico in cui ho molto spazio per crescere come professionista del marketing. Ecco perché sono stato così felice di essere stato invitato a fare un colloquio per questo ruolo“.

2. Quali sono i tuoi punti deboli?

Questa difficile domanda del colloquio viene posta per scoprire quanto sei consapevole di te stesso e se agisci per superare eventuali carenze tecniche o di competenze trasversali.

Prima del colloquio, pensa a un esempio di una debolezza della vita reale che stai cercando di superare. Assicurati di selezionare un punto debole che sia un’abilità opzionale, non un requisito chiave relativo al lavoro.
Nel colloquio, spiega come stai lavorando per superare questa debolezza. I datori di lavoro apprezzano le persone che apprendono lungo tutto l’arco della vita, quindi fornisci un esempio di debolezza e parla dei miglioramenti positivi che stai apportando per dimostrare che sei concentrato sulle soluzioni.

Ad esempio, come risposta potresti dire: “Ho avuto paura di parlare in pubblico per molto tempo, ma di recente ho completato un corso dedicato a questo e la scorsa settimana ho tenuto una presentazione al mio capo, di cui sono davvero orgoglioso. Ho un’altra presentazione in programma per la prossima settimana e ho chiesto a un collega fidato di criticare la mia consegna in seguito in modo da poter continuare a sviluppare le mie capacità in quest’area“.

3. Dove ti vedi tra cinque anni?

I responsabili delle assunzioni pongono domande difficili come questa per comprendere la tua ambizione professionale, l’interesse a lungo termine nel tuo campo e se questo particolare lavoro è in linea con le tue aspirazioni. Vogliono sapere che se ti assumono, non cercherai altrove tra 6-12 mesi. Fondamentalmente, stanno anche cercando di vedere che sei realistico, motivo per cui risposte come “gestire questa organizzazione” o “nel tuo ruolo” sono da evitare.

La maggior parte delle persone ha un’idea del percorso che vorrebbe intraprendere la propria carriera. Che il tuo piano di carriera sia definitivo o provvisorio, sai più o meno cosa vorresti fare idealmente. Attraverso la tua ricerca prima del colloquio sull’organizzazione e sul ruolo e le discussioni con il tuo reclutatore, dovresti anche capire come si evolverebbe questo particolare lavoro.

Per rispondere a questa domanda, è necessario collegare due, trovando i punti in comune tra le tue ambizioni di carriera e questo lavoro, così rassicurerai l’interlocutore sei impegnato nel tuo campo e che hai obiettivi in ​​linea con questo particolare lavoro. Se fornisci anche uno o due esempi positivi, aggiungerai prove per dimostrare che hai studiato il ruolo e vuoi davvero lavorarci.

Ad esempio, “Tra cinque anni mi piacerebbe essere visto come un dipendente stimato con una profonda esperienza in XYZ. Credo che avrei l’opportunità di sviluppare tale esperienza nel tempo in questo ruolo. Mi piacerebbe anche assumermi responsabilità di gestione del personale: ho letto che la vostra azienda ha un ottimo programma di formazione alla leadership, quindi tra cinque anni mi piacerebbe averlo completato e sviluppare ulteriormente le mie capacità per assumere eventualmente un ruolo di maggiore responsabilità.

4. Perché sei la persona migliore per il lavoro?

È probabile che tu non sia l’unica persona a fare un colloquio per questo lavoro. Gli altri candidati sono qualificati e possiedono le competenze richieste, proprio come te. Questa domanda è la tua opportunità per mostrare all’intervistatore perché stai testa e spalle sopra di loro. Ti permette di vendere all’intervistatore ciò che ti rende unico.

Per rispondere a questa domanda, concentrati sui tuoi “punti di vendita unici” o USP. Il tuo USP è costituito dai tuoi primi tre o quattro punti di forza, con un esempio o dettagli a supporto di ciascuno. Possono coprire competenze tecniche e trasversali, esperienze chiave o risultati eccellenti. L’unico vincolo è che devono collegarsi alle competenze richieste nel lavoro in modo che formino un’immagine nella mente dell’intervistatore di te che eccelle nel ruolo.

Ad esempio, “Ho esperienza nella gestione di progetti con successo fino al completamento, grazie alle mie capacità di coinvolgimento degli stakeholder e al senso degli affari. Ho gli anni di esperienza di cui hai bisogno e grazie a un approccio innovativo alla risoluzione dei problemi ho aumentato i nostri punteggi di soddisfazione dei clienti del 25% anno su anno. La mia forte etica del valore e la mia capacità di fare il possibile sono state riconosciute attraverso promozioni. Sono davvero entusiasta di questa opportunità e della possibilità di lavorare qui”.

Come rispondere alle domande difficili durante un colloquio

5. Perché vuoi il lavoro?

A prima vista, questa domanda del colloquio può sembrare simile alla domanda precedente: “Perché sei la persona migliore per il lavoro?” Tuttavia, nel porre questa domanda l’intervistatore vuole sapere esattamente perché vuoi questo lavoro specifico, in questa organizzazione specifica in questo momento. Vogliono avere un’idea di come questo posto vacante si adatti al tuo futuro piano di carriera.

La chiave per rispondere a questa domanda è evitare di concentrarsi su guadagni finanziari e non finanziari. Se dici, ad esempio, che stai cercando di aumentare il tuo stipendio, migliorare i tuoi benefici o utilizzare questo ruolo come un’opportunità per migliorare le tue competenze, ovviamente non riuscirai a stupire.

Invece, inquadra la tua risposta parlando del tuo entusiasmo per l’organizzazione e delle responsabilità lavorative, di come questo ruolo si adatta ai tuoi obiettivi di carriera e perché sei entusiasta di sostenere un colloquio per il ruolo.

6. Perché stai cercando un nuovo lavoro?

L’intervistatore potrebbe anche chiederti perché stai cercando un nuovo lavoro in primo luogo. Sebbene questa domanda tocchi anche le tue motivazioni, è focalizzata all’indietro piuttosto che in avanti. In altre parole, l’intervistatore vuole capire cosa è successo nel tuo ruolo attuale o precedente per spingerti a guardare altrove. Anche se non dovresti mai parlare negativamente dei datori di lavoro attuali o precedenti, devi dare una risposta realistica al motivo per cui hai deciso di entrare nel mercato del lavoro.

Ci sono alcune circostanze, come la ridondanza, che si spiegano da sole. Ma spesso le persone in cerca di lavoro scoprono di aver raggiunto la fine naturale del loro attuale lavoro e hanno bisogno di una nuova sfida. Se questo descrive la tua situazione, assicurati di inquadrare attentamente la mancanza di opportunità quando rispondi a questa domanda, altrimenti il ​​responsabile delle assunzioni potrebbe chiedersi perché il tuo attuale datore di lavoro non si è preso la briga di facilitare la tua crescita e trattenerti.

Ad esempio, invece di dire “Ho bisogno di una nuova sfida”, potresti dire: “Il mio attuale datore di lavoro è una piccola azienda con un avanzamento di carriera limitato. Non sono stati in grado di offrirmi un ruolo adatto alla mia esperienza una volta che mi sono qualificato. Dopo tre anni con loro, non vedo l’ora di avere un’opportunità in cui posso usare la mia nuova esperienza e capacità per aggiungere valore a un’azienda“.

Questa risposta al colloquio mostra che le tue ragioni per lasciare il tuo attuale lavoro saranno risolte in questo nuovo ruolo.

7. Qual è la tua aspettativa di stipendio?

Chiudiamo con la domanda forse più odiosa.
Quando rispondi a questa domanda, è importante non svenderti o, al contrario, valutare te stesso senza considerazione. Il tuo approccio migliore è essere aperto, onesto e supportare la tua opinione con prove.

Prima del colloquio, cerca gli stipendi tipici per quel ruolo (su Internet troverai diverse guide e statistiche. Se non trovi nulla potresti anche cercare se annunci di lavoro simili al ruolo in questione hanno un range di proposta di stipendio.

Fondamentalmente, sii realistico. Non pensare a quanti soldi hai bisogno, ma piuttosto a quanto ci si aspetta ragionevolmente che il ruolo offra. Inoltre, considera quanto sei disposto ad essere flessibile e se alcuni vantaggi potrebbero compensare un po’ di stipendio.

Puoi quindi dire con sicurezza al tuo intervistatore le tue aspettative di stipendio, supportate da prove. Questo ti permette di rispondere a questa domanda con convinzione e ti mette in una posizione di forza nel caso avessi bisogno di negoziare.

Una risposta di esempio potrebbe essere: “Sulla base della mia ricerca di lavori simili e dei dati forniti da Xyz, sto cercando X €. Ritengo che questa figura sia competitiva visti i doveri e le responsabilità del ruolo”.

Come in tutto, l’esperienza aiuta moltissimo a mettere a punto le risposte. Il nostro consiglio è quello di esercitarti ad alta voce per ognuna di queste sette domande. Vedrai che rispondere sarà più facile.

Infine, se durante i colloqui dovessi incontrare altre domande difficili non presenti qui. Prendine nota e, terminato il colloquio, analizza la tua risposta. Cerca di capire il motivo della domanda e cosa avresti potuto dire per rispondere meglio. Non è detto che la stessa domanda non ricapiti in un colloquio successivo.

 

Tratto da How to answer 7 difficult interview questions

Tags: , , ,